testatina


DISTURBO GENERALIZZATO E PERVASIVO DELLO SVILUPPO

Attualmente sempre più bambini ricevono questo tipo di diagnosi e molti genitori che per la prima volta vengono a conoscenza di questo disturbo sono spaesati e confusi e molto spesso anche se ricevono una diagnosi precoce non sanno quale intervento scegliere per i loro bambini. Spesso i professionisti usano indistintamente i termini Autismo e Disturbo Generalizzato dello sviluppo, riferendosi a bambini che presentano una triade di sintomi:

- nell’area della comunicazione

- nell’area dell'interazione sociale

- nell’area dei comportamenti e interessi

La definizione dell'autismo oggi è mondialmente riconosciuta e attualmente, il DSM IV assieme al ICD-10, sono i manuali utilizzati per la diagnosi di questo disturbo. Dall'articolo di Kanner ad oggi la descrizione delle caratteristiche della persona autistica sono rimaste sostanzialmente uguali. Un grande cambiamento è invece avvenuto per quanto riguarda l’eziologia del disturbo. E’ stata sfatata la vecchia idea della patologia come frutto di una responsabilità genitoriale e l’attenzione degli specialisti e dei ricercatori si è soffermata sul danno organico piuttosto che intrapsichico.

I disturbi generalizzati dello sviluppo sono una categoria diagnostica che fa parte del manuale dei disturbi mentali che oggi è alla sua quarta edizione (DSM IV).

Il D.S.M. IV TR è un manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, attualmente è lo schema più condiviso per la diagnosi del disturbo autistico. Tale disarmonia è inserito all’interno dei disturbi generalizzati dello sviluppo. Questi disturbi si dicono generalizzati perché riguardano l’attenzione, la percezione, la motricità, lo sviluppo cognitivo, il linguaggio, l’imitazione e più in generale l’adattamento all’ambiente. Difatti, i disturbi generalizzati dello sviluppo sono caratterizzati da compromissione grave e generalizzata in diverse aree dello sviluppo: capacità di interazione sociale reciproca, capacità di comunicazione, o presenza di comportamenti, interessi, e attività stereotipate. Tali compromissioni qualitative sono nettamente anomale rispetto al livello di sviluppo o all’età mentale del soggetto. Sebbene termini come “psicosi” o “schizofrenia infantile” siano stati usati in passato in riferimento ai soggetti affetti da queste condizioni, vi sono considerevoli prove a favore dell’opinione che i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo siano diversi dalla Schizofrenia.

Oltre al Disturbo Autistico, i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo comprendono il Disturbo di Rett, il Disturbo Disintegrativo dell’infanzia, il Disturbo di Asperger, Disturbo generalizzato dello sviluppo non altrimenti specificato. Questi disturbi sono di solito presenti fin dai primi anni di vita e sono spesso associati con un certo grado di ritardo mentale.

TABELLA RIASSUNTIVA


Il presente materiale è stato estrapolato dal libro Terapia Multisistemica in Acqua edito franco Angeli e scritto da G. Caputo, G.Ippolito, P.Maietta.



Autismile.it © 2005-2011 - Il sito informativo sull'Autismo - Terapie Autismo e Corsi di Formazione -
© 2005-2011 - Associazione Culturale Onlus "Il Cireneo" S. Giovanni Rotondo - FOGGIA